Serena Mollicone e Carabinieri Assassini.

La nuova perizia finalmente accerta questo grave episodio.

on

A diciassette anni dalla morte della 18enne di Arce le perizie confermano: il nastro adesivo usato per legarla proveniva dalla caserma, i segni sulla testa sono compatibili con quelli rilevati sempre all’interno della stessa caserma dei carabinieri.

Dobbiamo ringraziare ancora una volta lo stato che ha risolto brillantemente e velocemente questo incredibile e brutto episodio di cronaca.

Ci hanno messo solo 17 anni per dirci che Serena Mollicone è stata uccisa all’interno della caserma dei carabinieri di Arce.

Sono stati così indagati, con le accuse di omicidio volontario e occultamento di cadavere, l’ex comandante della stazione di Arce, il maresciallo Franco Mottola, il figlio Marco e la moglie Anna, il luogotenente Vincenzo Quatrale per concorso morale nell’omicidio e per istigazione al suicidio del brigadiere Tuzi, e l’appuntato Francesco Suprano per favoreggiamento.

Le indagini dei carabinieri di Frosinone, consegnata anche la perizia dei Ris, appaiono ormai concluse e a breve il sostituto procuratore Maria Beatrice Siravo dovrebbe tirare le somme. Forse l’ora della verità su uno dei peggiori cold case italiani è giunta.

Puoi leggere qui l’articolo de Il Corriere : https://www.corriere.it/cronache/18_settembre_28/delitto-arce-conferma-ris-serena-mollicone-fu-uccisa-caserma-carabinieri-3baa6ae4-c2fa-11e8-8616-bab322c639b4.shtml

Internauta dal 1994, studente del corso di Laurea in Tecnologie Informatica in UNICAM, sono sviluppatore e sistemista Linux dal 2000. Fondatore di LEAD MAGNET S.r.l. e ManagedServer.it azienda di Hosting WordPress / WooCommerce ottimizzato e sistemistica Linux orientata alle performance. Vivo ad Arad in Romania dal 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.